Politica, Varie

Il Reddito di Cittadinanza per restituire dignità

Molti ne parlano e tantissimi cercano di copiare la proposta del Reddito Di Cittadinanza, cavallo di battaglia del MoVimento 5 Stelle. Vediamo di cosa di tratta.

E’ considerata una manovra economica per il rilancio del nostro paese, venendo in soccorso a quelle persone/famiglie che oggi si ritrovano a rischio povertà. Parliamo di oltre 9 milioni di italiani (3 milioni di famiglie) che non raggiungono i 9.360 euro l’anno. E’ considerata una manovra economica per lo sviluppo poiché si stima che sia in grado di aumentare la domanda interna dal 4 al 22% e i ricavi delle PMI (Piccole e Medie Imprese) al prezzo dell’1% del Pil e del 2% della spesa pubblica. Naturalmente non entro neanche sul merito della fattibilità finanziaria in quanto su questo aspetto ormai sono tutti concordi. (vedi la tabella con tutte le coperture indicate per il reddito di cittadinanza)

Quindi in realtà parliamo di un qualche cosa di realizzabile e che esiste in quasi tutti i Paesi dell’UE e non solo (non è presente solo in Italia ed in Grecia). E’ solo una questione di priorità dell’agenda politica del nostro Governo. Abbiamo sempre sottolineato che non è una misura assistenziale ma un intervento “condizionato”, cioè chi ne può usufruire deve sottostare a dei precisi obblighi, tra i quali: iscriversi presso i centri per l’impiego pubblici e offrire un contributo di massimo 8 ore settimanali ai progetti sociali del Comune di residenza.

Molti pensano che in realtà i controlli previsti per i possibili furbetti non siano sufficienti e che in un Paese dove rubare risorse pubbliche è diventato quasi normale, questa manovra agevoli solo i nullafacenti. Niente di più sbagliato!

Ma possiamo sempre vivere “fasciandoci la testa prima di rompercela”? Oppure lamentandoci sempre e non realizzando mai le cose?

Queste sono scuse date solo da chi non vuole che la gente inizi ad avere le mani libere e rompere le catene del bisogno del politico di turno. Rivoluzionario no? Eppure tutto ciò è possibile.

Leggi il testo di legge che abbiamo presentato al Senato della Repubblica direttamente da qui e scrivimi nei commenti il tuo punto di vista o le possibili perplessità/proposte.

Scrivi un commento

buzzoole code